Cooperativa Nuova Idea


Vai ai contenuti

Testimonianze servizio civile

Progetti


Sono venuta a conoscenza dell’opportunità del Servizio Civile per caso. Era giugno ed ero in procinto di laurearmi alla triennale di Architettura e tutto ciò che sapevo era che non avrei continuato subito con il biennio. Avevo bisogno di una pausa di un anno in cui provare qualcosa di diverso e fortunatamente il Servizio Civile con la cooperativa Nuova Idea ha bussato alla mia porta. Inizialmente era stata mia mamma a informarmi della possibilità dopo averlo letto su un volantino, in seguito, dopo aver contattato la cooperativa stessa ho potuto conoscere di persona cosa avrei fatto in pratica durante il mio anno di servizio: le attività, le persone, i luoghi e subito il giorno dopo mi sono candidata con convinzione. Non vedevo l’ora di iniziare! A Settembre ho fatto un piccolo test e a novembre ho cominciato.

Le prime settimane forse sono le più complicate in quanto si entra in un ambiente nuovo in cui tu sei il nuovo arrivato, tutti vogliono conoscerti e le persone che si incontrano sono tantissime. Ma tutti sono gentilissimi, gli operatori al minimo dubbio ti sostengono e ti aiutano. Se non sai gestire alcune situazioni non sei mai solo e sono tutti disponibilissimi ad ascoltarti.

L’ambiente è molto caldo e accogliente.
Ho iniziato a far parte del gruppo senza neanche accorgermene, dopo i primi mesi sono riuscita a inserirmi perfettamente nelle dinamiche della cooperativa.

E’ un’esperienza che ti cambia, sia che si voglia lavorare nel sociale per tutta la vita, sia che si veda questo anno come un’esperienza formativa fine a sé stessa. Ti permette di metterti in gioco e di conoscere una realtà diversa, ti fa crescere. Non c’è dubbio, consiglierei a tutti un anno così!

Roberta Ballico - volontario in servizio civile anno 2016/2017






Ricordo che una volta passata la selezione, i primi giorni sono stati abbastanza complicati. Non riuscivo a capire cosa dovevo fare, dove andare, o in che modo dovevo relazionarmi con gli altri.

Presto mi sono abituato alla routine del mio ruolo e ora mi sono affezionato a molti utenti e collaboratori.
Quando arrivo al mattino, iniziamo a ridere e scherzare tutti assieme come vecchi amici.


Il servizio civile è un opportunità di entrare in una realtà diversa da quella a cui siamo abituati a vivere ogni giorno, ci proietta in situazioni a cui non abbiamo mai dovuto prestare attenzione e ci rende consapevoli e responsabili di far parte di un gruppo.

Giordano Corso, volontario in servizio civile 2016/2018

"Tutto è iniziato dalla ricerca di lavoro, ogni giovane mi può capire. Con la mia laurea in psicologia, mentre cercavo un'opportunità, una conoscente mi parla del Servizio Civile. Non ne sapevo praticamente niente, e da quel poco che avevo visto si trattava per lo più di passare qualche ora in segreteria, in biblioteca o in comune, immersa in in mare di "scartoffie"...quindi l'idea non mi stimolava più di tanto...sarebbe stata al massimo una soluzione temporanea per cominciare a realizzare un piccolo guadagno. Pochi giorni prima della scadenza dei bandi, quasi per caso, penso di dare un'ultima occhiata, giusto "per scrupolo". E trovo un progetto sulla psichiatria... ciò di cui mi ero letteralmente innamorata durante un tirocinio. Sento i miei occhi che brillano, e ho un solo pensiero in mente: "devo assolutamente fare questa cosa!". Da qui una corsa di due giorni tra telefonate e carte da compilare, poi selezioni presso il Consorzio...speranze, disillusioni, siamo tanti a concorrere, il posto per cui mi candido, nella cooperativa Nuova Idea, è uno...passo io, all'inizio quasi non ci credo!Comincio il mio anno di Servizio, con tutte le paure del caso. Quei 365 giorni mi trasformano. Una crescita del genere non l'ho vissuta in 27 anni. 365 giorni di un'intensità meravigliosa. Mi sveglio ogni mattina contenta per quello che sto facendo. Anche nei giorni "no" riesco a sorridere, c'è un clima positivo, si respira un'umanità straordinaria. Sperimento il vero "stare con". Gli operatori del centro diurno sono dei maestri di vita.Il mio anno vola, quasi non me ne accorgo ed è già finito.

Non avrò trovato un lavoro...ma a conti fatti ho trovato molto di più. I legami che ho creato sono ormai inscindibili, una parte del mio cuore ha trovato residenza in via Puccini.Ad oggi il mio Servizio è finito da un bel po', è finito addirittura quello di chi è arrivato dopo di me. Ma proprio non riesco a staccarmi...sono una socia volontaria di Nuova Idea, e dico che il mio Servizio Civile è stato la mia più bella idea!"


Giorgia Pasqualotto - volontaria in servizio civile anno 2014/2015


"Era molto tempo che desideravo fare il Servizio Civile: immaginavo potesse essere un'esperienza per me positiva e ricca di stimoli, ma mai avrei pensato che potesse arricchirmi così tanto sia a livello personale che professionale!
Ho avuto modo di svolgere il mio anno di servizio nella Cooperativa sociale Nuova Idea, entrando così in contatto con personale davvero qualificato che mi ha accompagnata e sostenuta durante tutto il mio percorso!
Mi è stato permesso di svolgere numerose attività, imparando molto e riuscendo a conoscere tutte le persone che frequentano i servizi della Cooperativa con i quali ho instaurato un bellissimo rapporto!
È un'esperienza che davvero consiglierei a tutti coloro che vogliono mettersi in gioco: ne uscirete davvero cambiati!".

Alice Lodovici - volontaria in servizio civile anno 2015/2016


Torna ai contenuti | Torna al menu